lunedì 14 dicembre 2009

2012


Questo sabato avevo un appuntamento in centro alle 19:30, vicino ad una delle strade a piu' alta densita' umano-consumistica nel periodo pre-natalizio.
Per evitare ricerche esasperate di parcheggio con conseguenti nervosismi ho preferito
arrivare sul posto un po' prima, intorno alle 15, in modo da non impiegare piu' di 20 minuti
per trovare una zona di sosta ed il relativo PagaBigliettoAutomatico.
Per colmare le quattro ore rimanenti ho pensato, vista la giornata da freddo pungente, di recarmi in un cinema multisale e vedere qualcosa che finisse il piu' possibile a ridosso del rendez-vous.

Il fato ha voluto che dei circa dieci film in programmazione uno solo avesse l'orario giusto, e che questo fosse l'ultima creatura (solo al momento, temo) del filone 'catastrofe annunciata': 2012.

Risparmio il dilungarmi troppo sulla spiegazione del titolo; si tratta , secondo la tradizione maya,
dell' anno di fine di mondo
(come direbbe il famoso ambasciatore russo del 'Doctor Strangelove' di Kubrick).
Tralascio anche considerazioni tipo 'Ma non si diceva che il mondo sarebbe finito nel 2000 ?!",
se non altro visto che nonostante tutto siamo qui ...
Dico soltanto che, tolta qualche tonnellata di effetti speciali, e' una tale boiata che 'Indipendence Day' in confronto e' da 14 Oscar.
Zeppo di trovate originalissime (lo scrittore sfigato, il ricercatore iellato, il rapporto conflittuale
padre-figlio, la figlia del presidente USA di gradevole aspetto ed il geologo che da perfetto sconosciuto
diventa il numero 2 nella Casa Bianca).
Per nulla moralista (del gruppo di 'protagonisti' muore la RagazzaRussaTetteRifatte ed il Chirurgo Estetico che, oltre ad aver rifatto LeDiLeiTette, e' il nuovo partner della ex-moglie dello scrittore).

Ha alcune scene cosi' assurde da garantire una depilazione definitiva senza dolore e pressochè istantanea.
Ne cito una per tutte: verso la fine del film, quando il genere umano e' quasi scomparso, il nostro eroe dato per morto riemerge dalle acque provocando la gioia incontrollata del resto dei sopravvissuti, come se i 7 miliardi di esseri che nel frattempo sono deceduti fossero qualcosa di estremamente trascurabile ...

Unico lato divertente il chiacchiericcio di un gruppo di adolescenti che con il sottoscritto condivideva la tragedia, ed ho detto tutto.

In compenso il resto del week-end e' stato decisamente meno catastrofico.
Ci voleva poco, in effetti.
Certo, se la profezia fosse vera, avremmo al massimo tre anni per realizzare le nostre follie.

Anche se non ci credo, io inizio ...

1 commento:

Lisa ha detto...

Tralascio anche considerazioni tipo 'Ma non si diceva che il mondo sarebbe finito nel 2000 ?!"

Infatti il mondo è finito, noi siamo tutti all'Inferno e Belzebù si è travestito da nano di Arcore...

...ed il geologo che da perfetto sconosciuto
diventa il numero 2 nella Casa Bianca).

E' come dice Ortolani (che è un geologo), quello di Ratman (lettura altamente consigliata): i geologi non servono a un cazzo... perciò, mentre lui grazie a dio ha iniziato a fare fumetti, l'altro l'hanno sbattuto alla casa Bianca.

Pentitevi! La fine è vicina, ecc. ecc.

ciao
;-)

Lisa